Italia Eventi 24
LinguaIT
Tra disinformazione e caos: il racconto di Fabrizio Fenu nella Londra del coronavirus
A cura di Giovanni Runchina per il Racconto dei sardi nel mondo al tempo del Coronavirus

Originario di Carbonia, nella capitale britannica dal 2002, descrive le difficoltà quotidiane crescenti in una metropoli abituata a viaggiare a velocità folle nella quale i tanti ultimi rischiano di soccombere

L’impressione, a sentire le sue parole, è d’essere dentro un videogioco impazzito che rischia di mandare seriamente in tilt la vita di milioni di persone. «Qual è il problema più grande? Francamente fatico a trovarne uno su tutti anche se quello di maggior rilievo mi pare l’assoluta disinformazione, infatti non si riesce a capire a che punto siamo dell’epidemia. La sanità pubblica è allo sfascio e non sembra reggere quest’onda. Le persone, stordite e allarmate da quanto avviene negli altri Paesi, stanno facendo una corsa disperata e folle ad accaparrarsi cibo e beni di prima necessità».

Dalla sua casa di Londra dove vive dal 2002, Fabrizio Fenu non nasconde i timori di fronte all’avanzata del coronavirus in Gran Bretagna e confessa: «Sto in casa il più possibile soprattutto per proteggere i miei figli, il fatto che si tenda a minimizzare o a sottovalutare l’entità del problema non aiuta di certo. Conosco tante persone fragili, con problemi di salute importanti, e mi preoccupo per loro».

Fabrizio, originario di Carbonia, di professione Sake Sommelier, è spostato con una ragazza giapponese e ha vissuto quasi ininterrottamente nella capitale britannica tranne una parentesi di cinque anni proprio nel Sol Levante. «Si vive con la paura del contagio in ogni movimento giornaliero, accentuata dal fatto che fuori non si fa niente per prendere la situazione sotto controllo».

È di venerdì la decisione del governo guidato dal conservatore Boris Johnson di chiudere pub, negozi e club, provvedimento nato sotto la spinta crescente e drammatica del numero di morti, oltre 170, per via del Covid 19. «Fino a qualche giorno fa non era stato preso alcun provvedimento per arginare i contagi. Si è perso tempo a dare semplici consigli mentre per giorni non si è fatto assolutamente nulla. Del resto una nazione che non chiude le scuole con la giustificazione che il personale ospedaliero non potrebbe andare a lavoro per contrastare il virus se i figli stessero a casa, la dice tutta. In realtà una scelta simile significherebbe perdere tanto danaro e punti di PIL in quanto anche i genitori che normalmente producono dovrebbero stare a casa. Si pensa più a far soldi che alla salute».

La popolazione? Reagisce come può. «Chi non può lavorare da casa è costretto a usare i mezzi pubblici affollatissimi. L’unica iniziativa di cui sono a conoscenza è quella della scuola frequentata dai miei figli dove hanno già annunciato che nel caso in cui ci fosse la chiusura le famiglie bisognose potranno comunque ritirare le provviste necessarie per cucinare. Il servizio mensa nelle scuole è una specie di ammortizzatore sociale perché consente ai genitori in difficoltà di garantire pasti ai bambini. Questo mi pare dica abbastanza sulla condizione economica e sociale di questa Nazione».

Questo il suo giudizi su quanto fatto sinora dall’Italia: «Penso che l’Italia stia dimostrando una grandissima maturità e coraggio in questo periodo di crisi, prendendo le decisioni giuste in un momento così difficile e in una situazione nuova e inaspettata. E dico questo guardandomi attorno qui a Londra dove ogni giorno si continua a temporeggiare e dare solo dei puri e semplici suggerimenti alla popolazione con una tempistica e una pianificazione errata».

SardegnaEventi24.it

1483 eventi pubblicati

264 notizie pubblicate

0 aziende pubblicate

# Altre Notizie

  • Facebook
  • Instagram
  • Twitter
  • Google+
  • Youtube
  • Feed

TERRA DE PUNT SRL P.IVA 03794090922

Numero REA: 298042 - Iscrizione ROC: n. 32207

SARDEGNAEVENTI24 è una testata giornalistica registrata presso il tribunale di Sassari n. 1/2018

Sede Legale: Via Anglona 7, 09121 Cagliari

Sede Operativa: Viale Trento 15, 09123 Cagliari

X
en Englishfr Françaisde Deutschit Italianopt Portuguêses Español